Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina -
il menu di navigazione -
Musei

Contenuto della pagina

Servizio Sistema museale di Ateneo

I Musei


L’Università di Pavia possiede un eccezionale patrimonio di beni culturali, accumulati e conservati nel corso della sua lunga storia. Importanti collezioni, di interesse storico-scientifico, uniche nel loro genere: non sono infatti costituite da pezzi acquisiti in maniera casuale, ma accresciute nell’arco del tempo, parallelamente allo sviluppo della didattica e della ricerca scientifica nei rispettivi campi.

Grazie a queste collezioni e alla loro corrispondenza con i volumi conservati nelle biblioteche e negli archivi, è possibile ricostruire la storia del pensiero tecnico scientifico italiano e non solo.

In particolare, l’Università ospita:

Il Museo per la Storia dell’Università. Due le sezioni principali, quella di Medicina e quella di Fisica. Il percorso, attraverso l’esposizione degli “strumenti” utilizzati dai grandi maestri del passato, testimonia l’evoluzione dello studio
e dell’insegnamento di queste scienze.

Il Museo di Storia Naturale. Costituito a scopo didattico da Lazzaro Spallanzani nel 1771 grazie a un primo nucleo  di minerali inviati in dono dall’imperatrice Maria Teresa d’Austria. Alla sezione di mineralogia e zoologia fu aggiunta nel 1778 quella di anatomia comparata. La fama del Museo, che già  nel 1780 contava oltre 24.000 esemplari, ispirò al poeta  e matematico Lorenzo Mascheroni alcuni versi del componimento didascalico “Invito a Lesbia Cidonia”.

Il Museo della Tecnica Elettrica. Istituito nel 2006, grazie alle preziose donazioni di Edison, ENEL e di molte aziende
del settore. Omaggio permanente ad Alessandro Volta (inventore della pila elettrica, docente e rettore dell’Università), presenta il patrimonio storico della tecnica elettrica e il suo impatto su tutti gli aspetti della vita quotidiana dalle origini dell’elettricità a oggi.

Il Museo di Mineralogia. Conserva collezioni di minerali, rocce e fossili provenienti dalle più note località italiane ed estere. Il museo conta circa 10.000 pezzi ed è suddiviso in due sezioni, Mineralogia-Petrografia e Geologia-Paleontologia.

L’Orto Botanico. Istituito nella seconda metà del ‘700.  Si estende su una superficie di circa 2 ettari e comprende
le serre, l’edificio storico e l’arboreto dedicato alle collezioni  di piante vive all’aperto. Le collezioni sono in parte tematiche
e in parte rappresentative di aree geografiche. La serra più antica è dedicata al primo direttore del Museo, Antonio Scopoli. Dell’impianto originario rimane un monumentale platano alto  45 metri, la cui circonferenza alla base supera i 7 metri.

Il Sistema Museale di Ateneo si è costituito nel gennaio 2005 con lo scopo di riunire tutti i musei e le collezioni dell’Università di Pavia e di promuoverne la conservazione e la valorizzazione.


Segreteria organizzativa

Patrizia Contardini
Tel. 0382 987565
marni@unipv.it

Antonella Berzero
Tel. 0382 987695
aberzero@unipv.it


Sito internet del Sistema museale

http://musei.unipv.it/index.html