Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina -
il menu di navigazione -
Assicurazioni

Contenuto della pagina

Assicurazioni


Assicurazioni per i laureati
(dottorandi, specializzandi, borsisti, assegnisti, frequentatori volontari)

PER QUANTO RIGUARDA LE COPERTURE ASSICURATIVE SI RIMANDA ALLA PAGINA “ASSICURAZIONI STUDENTI

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI

DOTTORATI, BORSE E SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELL'AREA MEDICA

Per i dottorandi, i borsisti e gli iscritti alle scuole di specializzazione dell'area medica, le coperture assicurative di responsabilità civile stipulate dall'Università degli Studi di Pavia non si estendono alla copertura dei rischi derivanti dallo svolgimento delle attività clinico-assistenziali in quanto non dovute ai sensi di leggi.

Per gli specializzandi, inoltre, in base all'art. 41, comma 3, d.lgs. del 17 agosto 1999, n. 368: "l'azienda sanitaria, presso la quale il medico in formazione specialistica svolge attività formativa, provvede, con oneri a proprio carico, alla copertura assicurativa dei rischi professionali, per la responsabilità civile verso terzi e gli infortuni connessi all'attività assistenziale svolta dal medico medesimo nelle proprie strutture, alle stesse condizioni del proprio personale".

L’Istituto Nazionale per le assicurazioni e gli infortuni sul lavoro (INAIL) con circolare della propria Direzione Centrale Rischi del 26 luglio 2007 avente ad oggetto “Assicurazione dei medici specializzandi con contratto di formazione specialistica” ha precisato che:
“le aziende sanitarie interessate sono tenute ad assumersi gli oneri relativi alla assicurazione obbligatoria INAIL … "omissis" ... "costituendo appositi rapporti assicurativi presso le competenti Sedi INAIL a favore dei medici impegnati nelle scuole di specializzazione”;

“sotto il profilo previdenziale, per contratti di formazione specialistica stipulati fra medici, università che corrispondono il trattamento economico e regioni, nel cui territorio hanno sede le AUSL alle quali si svolge la formazione dei sanitari, il rispettivo Ateneo è tenuto ad effettuare il versamento dei contributi dovuti alla Gestione Separata INPS”;

“sotto il profilo assicurativo, l’Azienda Sanitaria presso la quale il medico in formazione specialistica svolge l’attività formativa provvede, con oneri a proprio carico, alla copertura assicurativa per i rischi professionali (RC Professionale), per la responsabilità civile contro terzi (RCT/O) e gli infortuni (INAIL) connessi all’attività assistenziale svolta dal medico in formazione nelle proprie strutture, alle stesse condizioni del proprio personale”.


Inoltre, l'art. 5 del D.P.R. del 7 agosto 2012, n. 137, introduce, in capo al professionista, l'obbligo di assicurarsi.
Per informazioni sulle coperture assicurative in essere è opportuno far riferimento alla Struttura sanitaria presso la quale viene svolta la specializzazione.
________________________________________